Scultura astratta | Alchimia scultura in legno di larice di Walter Perdan

Alchimia - scultura astratta in legno
Alchimia - scultura astratta in legno
Alchimia - scultura astratta in legno
Alchimia - scultura astratta in legno
Alchimia - scultura astratta in legno
Alchimia - scultura astratta in legno
Alchimia - scultura astratta in legno
Alchimia - scultura astratta in legno
Alchimia - scultura astratta in legno

Alchimia

Alchimia

Scheda informativa



Titolo: Alchimia
Anno: 2011
Tecnica: legno di larice, tintura, cera.
Dimensioni: 70x43x25 cm

"Alchimia" è una scultura astratta in legno di larice, opera dell’artista italiano Walter Perdan. La scultura è stata concepita e in parte realizzata nelle Alpi Giulie friulane. Infatti a quel tempo vivevo e lavoravo durante l’estate in un rifugio tra le montagne a ridosso del gruppo dello Jof Fuart. In questa zona durante la prima guerra mondiale si trovava la linea austriaca, non è difficile trovare resti di quel passato andando nelle vicinanze. Mi capitò infatti di trovare diverse schegge di bomba e granata nei dintorni. Ne trovai una veramente grossa: sembrava un ventre femminile che si apriva anche se era stato uno strumento di morte: per questo decisi di trasformare questa forma in una scultura astratta. Una trasformazione alchemica non solo nella forma ma anche derivante dal materiale. Il legno infatti proveniva da un larice sradicato da una valanga primaverile e ritrovato nei dintorni del rifugio. Il colore all’interno della concavità sottolinea l’idea della ferita che deve essere rimarginata ma anche essere esposta, messa in vista. Una scultura astratta che cura, che sana le ferite del tempo e degli uomini su se stessi e sull’ambiente. L’arte ha un potere curativo ed ha un alto valore simbolico. Attraverso la condivisione possiamo trasformare il ricordo di un evento in qualcosa di nuovo. Per questo ho creato una serie di opere in base a questo concetto. Sublimazione, per esempio, è un scultura astratta che ho realizzato con modalità simili ad "Alchimia". Anch’essa è stata realizzata con il legno del posto e presenta una ferita. Ma è una ferita che apre al cielo, poiché è stata dipinta con del colore blu… Sono convinto che l’arte astratta non è una parola muta e fredda, al contrario può essere veicolo di riflessioni molto profonde ma solo se l’ispirazione e l’intento dell’artista è genuino e sincero.


Visita uno dei mie negozi online:

Artmajeur Shop Artfinder Shop

Condividi nei social media