Scultura astratta | Respiro cosmico - scultura in marmo di Walter Perdan.

Respiro cosmico scultura astratta in marmo di Carrara
Respiro cosmico scultura astratta in marmo di Carrara
Respiro cosmico scultura astratta in marmo di Carrara
Respiro cosmico scultura astratta in marmo di Carrara
Respiro cosmico scultura astratta in marmo di Carrara
Respiro cosmico scultura astratta in marmo di Carrara
Respiro cosmico scultura astratta in marmo di Carrara
Respiro cosmico scultura astratta in marmo di Carrara
Respiro cosmico scultura astratta in marmo di Carrara
Respiro cosmico scultura astratta in marmo di Carrara
Respiro cosmico scultura astratta in marmo di Carrara
Respiro cosmico scultura astratta in marmo di Carrara

Respiro cosmico

Respiro cosmico

Scheda informativa



Titolo: Respiro cosmico
Anno: 2011
Tecnica: marmo di Carrara.
Dimensioni: 55 x 30 x 30 cm

Respiro cosmico è una scultura astratta in marmo di Carrara. Nella scultura viene espressa l’idea di un “respiro dell’universo”, intendendo esprimere con questo pensiero una metafora nella quale l’intero universo è interconnesso e nel quale ci sono delle sottili interrelazioni tra diversi “enti”. Molto spesso per dare una spiegazione a questo concetto lo si paragona al atto del respirare. Cosi come l’aria entra nei nostri polmoni e dona la vita ad ogni cellula del nostro corpo, così possiamo pensare al respiro del universo come a qualcosa che permette la vita ad ogni “ente” o particella infinitesima di esso.

Questo concetto è comune trovarlo nelle filosofie orientali, nella cultura di molti popoli extraeuropei e nella ecosofia. Il respiro secondo le filosofie orientali - come lo Zen - è strettamente legato al concetto di vuoto. Il vuoto non è da considerarsi come un assenza o la semplice negazione, al contrario esso è un campo di piene possibilità. Molti artisti occidentali hanno cominciato ad interessarsi alla filosofia ed all’arte orientale come fonte di ispirazione ma anche come motore di un cambiamento interiore e sostanziale nelle propria opera e nella propria personalità. Si pensi all’influsso delle stampe giapponesi nella seconda metà dell’ottocento sugli artisti impressionisti. Le stampe di Hokusai e Hiroshige influirono enormemente sulla produzione artistica dell’impressionismo. Questo sentiero continua ancora oggi. Molti artisti contemporanei sono molto sensibili al pensiero orientale ed ecologico. Nel campo della scultura astratta, sicuramente artisti come Anish Kapoor e Tony Cragg rivestono un ruolo importante nella condivisione di questo concetto. Sono oltretutto artisti che ho studiato e analizzato in particolar modo. Sicuramente ci si ricorda di Anish Kapoor per la sua scultura astratta con forme interamente vuote, conseguenza evidente delle sue origini indiane e del concetto che in questa cultura ha il vuoto. Se pensiamo all’opera di Tony Cragg c’è una parte considerevole della sua produzione incentrata sul vuoto della forma che ne attesta come uno dei migliori interpreti in questo senso. Ma l’antesignano di questi due artisti e Henry Moore, Chi non ricorda le sue opere scultoree immerse nel paesaggio come esempio moderno di eccellente scultura astratta?

Ho affrontato il tema del vuoto anche in questa opera - Il vuoto iconoclasta - associando il concetto di vuoto all’iconoclastia, tema ricorrente nella storia del pensiero occidentale e nell’arte.

Visita il mio negozio online:

Artmajeur Shop

Condividi nei social media